Sketches of Greece – Side A/B

Sketches of Greece – Side A/B

Sketches of …a new format

With Sketches of… we are making an attempt to bring you music from far and not-so-far away places, a music that maybe you had never listened before, the one you never thought you’d love to listen to. Each one of the cassettine will be a selection of music from a different place in the world, either the result of a careful investigation or the surprise of an accidental discovery.

The idea is to tell about some music culture through a sketch of it. It will be a musical journey through which we can have a glimpse of that place.

Greece, crossroads of cultures, the border between the West and the East, between Europe and Asia. It offers a great cultural and musical variety that, being a place “in-between”, mixes some western elements with other eastern ones. The famous traditional greek instrument, bouzouki, and the turkish tambur both come from a string instrument of Ancient Greece, and maybe this is why some songs both remind me of the East, and sound like something very ancient.

This first selection of Sketches of includes folk and not-so-traditional songs in order to give you an idea of the contemporary variety of Greek music, but also to show how music and culture go together hand in hand. The playlist mixes some traditional sounds like the songs of Manolis Pappos, Thanos Mikroutsikos, Grigoris Bithikotsis and Melina Mercouri with the melodic sounds of Glykeria or Arvanitaki.

The complexity of the modern society is also reflected in some of the songs: Siga min klapso by Giannis Aggelakas is about the murder of the rapper Killah P. carried out by the neo-fascist organisation Golden Dawn. Dimitris Mystakides’s Mila is inspired by a poem by Tasos Livaditis: it describes the prejudices, violence and injustice some social groups have to suffer. There is also space to celebrate the proximity between Greek and Italian culture: Kalinifta is a song in Griko dialect spoken in Salento, Puglia. Finally, it was compulsory to pay a tribute to popular dances, like Syrtaki, a folkdance song composed by Mikis Theodorakis for the movie “Zorba the Greek”.
 

Sketches of …una nuova rubrica

Sketches of.. è un tentativo di portare alle vostre orecchie la musica di luoghi più o meno lontani, una musica che forse non avete mai ascoltato e che magari non immaginavate neanche vi piacesse. In ognuna delle cassettine raccoglieremo la musica di un luogo diverso del mondo, frutto di un’accurata ricerca o di una scoperta casuale, per raccontarne la cultura musicale, disegnarne un bozzetto. Un viaggio insomma, attraverso il quale possiamo sbirciare dallo spioncino e provare a capire qualcosa di più di quel luogo grazie alle sue canzoni.

La Grecia, un crocevia di culture, al confine tra l’est e l’ovest, tra l’Europa e l’Asia, offre una grande vastità culturale e musicale che, fedelmente alla sua condizione di “frontiera”, mescola elementi più occidentali ad altri chiaramente orientali.

Il più conosciuto strumento tradizionale greco, il bouzouki, e il tambur turco derivano entrambe da uno strumento a corde dell’Antica Grecia e forse per questo le canzoni più tradizionali ricordano a tratti l’oriente e a tratti fanno pensare a un tempo molto antico. In questa prima cassettina di Sketches of.., vi propongo una selezione di canzoni, folkloristiche e non, che in qualche modo spero riescano a rendere l’idea della varietà musicale contemporanea greca, ma al tempo stesso dello stretto legame che c’è tra la musica e la cultura ellenica.

La playlist mescola sonorità più tradizionali di artisti come Manolis Pappos (il maestro del bouzouki), Thanos Mikroutsikos, Grigoris Bithikotsis e Melina Mercouri, con canzoni più melodiche come quelle di Glykeria o Arvanitaki. Nella selezione però c’è anche spazio per alcune canzoni che riflettono il complicato contesto sociale attuale, come nel caso di Siga min klapso di Giannis Aggelakas dove si parla dell’omicidio del rapper Killah P. per mano di membri dell’organizzazione neofascista Alba Dorata.

Mila di Dimitris Mystakides invece è tratta da una poesia di Tasos Livaditis e descrive i pregiudizi, ingiustizie e violenze che subiscono attualmente alcuni gruppi sociali. Per celebrare anche la vicinanza tra la Grecia e l’Italia, non solo geografica ma anche culturale, Kalinifta è una serenata in griko, una delle minoranze linguistiche greche presenti in Italia (si trova nel Salento mentre l’altra in provincia di Reggio Calabria). Infine, non poteva mancare un accenno ad alcune danze popolari, come il famoso Syrtaki, creata dal compositore Mikis Theodorakis per il film “Zorba il Greco”.

Why cassettina?
Cassettina mista o collage musicale tu chiamalo se vuoi mixtape o mixed-tape è una raccolta di canzoni o tracce, registrata in uno specifico ordine, tradizionalmente su un nastro audiocassettato che noi di NFO immaginiamo come un regalo speciale da ascoltare dove volete e perchè no qualora abbiate ancora uno di quei cimeli detti “mangianastri”, riprodurre fino a smagnetizzarne il nastro !

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *