NEW BUGS | Rough Enough – Molto Poco Zen

«Ci faccio l’abitudine, andare avanti vuol dire perdere.» Sono stentoree, percussive ed elettriche le parole con cui si apre Molto Poco Zen, quasi a volere chiarire subito quanto davvero poco zen siano le intenzioni del duo chitarra elettrica e batteria formato da Fabiano Gulisano e Raffaele Auteri.

Stiamo parlando dei Rough Enough, e Molto Poco Zen è il loro secondo album, che esce oggi 18 Gennaio per la Overdub Recordings. «Vado alle feste per nascondermi», canta Fabiano poco dopo (si intravedono ispirazioni di morettiana memoria), sempre nella traccia di inizio, Mackie, che è stato il primo di due singoli a essere rilasciato, seguito dalla title track – da notare i video che accompagnano i pezzi. Le frequenze di questo disco sono intensamente occupate dal costante dibattito ritmico della chitarra distorta di Fabiano e della batteria di Raffaele, il tutto amalgamato, tra armonia e disarmonia, da testi che sono costanti dichiarazioni di stile e di intenzione – la voce di Fabiano è stata intenzionalmente equalizzata allo stesso volume degli strumenti, forse anche per questo fa da vero e proprio collante.

Registrato alla Sonic Fun House di Catania da Davide Iannitti, stiamo parlando di un disco essenzialmente rock, che si prende con coraggio la responsabilità di esprimere una parte dei dubbi e malesseri che abbiamo imparato a conoscere e riconoscere in questa sorta di post-post-post-modernità da millennials, supportato da un muro di suono essenziale e diretto. Stiamo evitando intenzionalmente di utilizzare etichette nel riferirci alla musica dei Rough Enough, per quanto a volte siano comode; ma in questo caso, vista anche la recente novità del disco, oltre che le facili (e improvvide) associazioni che si potrebbero fare con altri notori duo chitarra-batteria, sarebbe meglio affidarsi prima di tutto alle vostre orecchie. Dopodiché divertitevi pure a indovinare le influenze dei due membri del gruppo (c’è pur sempre una bella zona commenti da riempire, qua sotto)!

E proprio di influenze e di musica – oltre che del loro disco e dei loro progetti – abbiamo in effetti chiacchierato con Fabiano e Raffaele un paio di settimane fa; l’intervista è stata raccolta nel primo podcast della rubrica New Bugs, a brevissimo a disposizione sulle non modulate frequenze di Radio NFO. Adesso insomma, non vi resta che premere play – se non lo aveste già fatto!

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Greta ha detto:

    GRANDI👏

  2. Paolo ha detto:

    Splendido, bravi ragazzi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *